Breaking News:
  • Registrati

Scienzaonline

Home Scienze Naturali Zoologia Piccoli mostri della Foresta! Scoperte 33 nuove specie di formiche.

Piccoli mostri della Foresta! Scoperte 33 nuove specie di formiche.

E-mail Stampa
(1 voto, media 5.00 di 5)

Un biologo dell'Università dello Utah ha identificato 33 nuove specie di formiche predatori nell'America Centrale e nella Zona dei Caraibi. Molte di queste specie osservate al microscopio o una lente sono realmente mostruose e per tale motivo sono state identificate con i nomi di alcuni degli antichi Dei e demoni Maya.

Jack Longino, entomologo e biologo spiega "Tali specie sono mostruose viste sotto un microscopio, la loro testa è una sorta di scudo, gli occhi ridotti e piccoli ai lati e hanno mascelle feroci irte di denti aguzzi per colpire le loro prede! Sembrano una sorta di Alien in miniatura e questo le rende per me  interessanti e divertenti".

In uno studio pubblicato lunedì 29 luglio 2013, all'interno della rivista Zootaxa, Longino descrive ed identifica 14 nuove specie del genere Eurhopalothrix, e le distingue dalle altre 14 specie già conosciute dalla scienza. Il nome del genere deriva dal greco "dai capelli a forma di clava" e si pronuncia (you-row-pal-oh-thrix). In un'altro studio in pubblicazione Longino identifica altre 19 specie (rispetto alle 15 già esistenti), appartenenti al genere Octostruma (che si pronuncia oct-oh-strew-ma), il nome del genere significa che le antenne sono formate da otto segmenti.

 

"Le nuove specie sono state trovate per lo più in piccole macchie di foresta che sono circondate in un paesaggio prevalentemente agricolo, sottolineando l'importanza degli sforzi per la conservazione delle foreste in America centrale ", è quanto sottolinea Longino. Le nuove specie di formiche sono lunghe  meno di un dodicesimo a un venticinquesimo di un pollice - molto più piccole di un chicco di riso o delle formiche comuni che abbiamo a casa nostra che sono lunghe circa mezzo pollice, e il loro ambiente di vita è nel legno marcio e sotto le foglie morte che formano la lettiera del bosco in America Centrale.

 

"Sono quasi prive di occhi e strisciano nel disordine del terreno della Foresta," utilizzando occhi primitivi composti riescono a rilevare la luce ma non la forma degli oggetti. Nessuno sa come trovano la loro preda, si presume che le prede siano insetti a corpo molle, tipo ragni, millepiedi e centopiedi. Ma le formiche sono note anche per rivestire se stesse con un sottile strato di argilla, che viene utilizzato per camuffarsi e per non farsi individuare dalle prede.

"Le formiche sono ovunque", dice Longino. "Si tratta di uno dei grandi elementi degli ecosistemi, come gli uccelli e gli alberi. Essi sono i principali motori della materia. Alcune agiscono come predatori e influenzano le dimensioni della popolazione di altri insetti. Raccolgono un sacco di insetti morti e li mangiano, quindi sono come avvoltoi in microscala. TRasportano i semi in giro e hanno un grande impatto su che tipo di piante crescono.Il loro operato è in grado di aerare il suolo. Avere un terreno aerato è un bene per le piante - permette che l'ossigeno riesca ad entrare nel suolo e l'acqua percoli  attraverso ".

Finora, vi sono circa 15.000 specie conosciute di formiche in tutto il mondo, basate in gran parte sulla differenza nella struttura del corpo, forse fino a 30.000. Ma, i genetisti analizzano sempre più formiche, nuove differenze genetiche sono scoperte, e così "il numero potrebbe essere 100.000 specie di formiche", ha dichiarato Longino.

Il mondo ha circa 700.000 specie di insetti noti, ma quel numero probabilmente salirà molto più alto in quanto le scoperte si susseguono. Longino dice che "dal 70 per cento al 80 per cento di tutte le specie conosciute sono insetti."

Le 33 nuove specie portano il numero di specie di formica scoperte da Longino durante la sua carriera a 131. Le formiche adulte mangiano solo liquidi, non cibo solido. Così essi portano le loro prede al nido, dove il cibo è mangiato da larve formica, che rigurgitanoin modo che possa essere consumato dagli adulti.

Le formiche moderne non sono più predatori, alcune delle quali utilizzano veleni per pungere la preda, ma sono spazzini, come quelli che raccolgono le briciole sopra i piani da cucina, e spruzzano acido formico per combattere altre formiche.

Longino ha raccolto circa il 90 per cento delle formiche dei suoi nuovi studi nel corso degli ultimi 30 anni di lavoro su una serie di progetti di catalogazione insetti, ragni e altri artropodi in Costa Rica, Messico, Nicaragua, Guatemala e Honduras. Molte delle specie sono anche presenti nei Caraibi e in Sud America.

Egli afferma che il suo lavoro come tassonomista non é solo di trovare e descrivere nuove specie, ma di "mappare" tutte le specie, vecchie e nuove, per far luce sulla biodiversità terrestre e individuare possibili specie infestanti o altre specie che potrebbero essere utilizzati per controllare i parassiti. (Le nuove specie di formiche non sono parassiti agricoli.)

Per raccogliere insetti, Longino e i suoi studenti utilizzano dispositivi di vagliatura che sembrano un po 'come un paio di racchette da tennis con sacchetti di tela. I ricercatori utilizzano machete per tagliare la legna morta e versano il sottobosco attraverso dei setacci, che hanno una rete metallica con diverse aperture. Le piccole formiche finiscono nei sacchi di raccolta con quello che sembra terriccio. Questa miscela allora viene posta in sacchetti di rete sospesa sopra imbuti che, a loro volta, sono sopra i sacchetti di plastica contenenti alcool per uccidere e conservare le formiche che passano attraverso le maglie. Le formiche quindi sono portate in laboratorio per l'analisi.

La Tassonomia o classificazione degli esseri viventi, è in continuo aggiornamento. Longino afferma che le specie per lui sono come delle ipotesi, non definite. Egli è alla ricerca di finanziamenti per la ricerca genetica per analizzare meglio e forse ridefinire le classificazioni per le formiche in quattro o cinque generi. Alcune specie, rischiano di finire in un genere diverso, dopo tale ricerca.

Link

La pagina web di Longino https://sites.google.com/site/longinoantlab/

http://unews.utah.edu/

http://www.mapress.com/zootaxa/

 

Nicola A. Cosanni

 

Commenti   

 
-1 #1 Guest 2013-11-21 10:23
Ho letto l'articolo ed ho trovato, indicata in parentesi, la pronuncia dei "taxa" , notoriamente indicati in latino. Questo è inaccettabile!
Come si può arrivare a tanta...rozzezz a! I termini latini devono essere letti in latino e non in...americano, sempre! Chi non lo sa fare ha un deficit culturale...cos ì come chi indica la lettura dei termini latini con la pronuncia inglese! Spero ci si renda conto che
non è una questione di...stile, ma si tratta di regole internazionali
da tutti riconosciute da decenni!
 

Non hai i permessi per commentare

VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

LAVORI IN CORSO

LAVORI IN CORSO - Nuovo sistema di gestione in collaudo
VI PREGHIAMO DI SCUSARCI PER I DISAGI
STIAMO IMPORTANDO IL DATABASE DI
TUTTI GLI ARTICOLI DI SCIENZAONLINE
DAL 2003 AD OGGI

SCIENZAONLINE.COM

  • Ultime News
  • News + lette
Il Grafene, il nano-materiale che migliorerà la nostra vita

Il Grafene, il nano-materiale che...

2010-11-23 00:00:00

Musicolor

Musicolor

2009-02-18 00:00:00

I Della Robbia e la storia della terracotta invetriata

I Della Robbia e la storia della...

2009-03-18 00:00:00

Giovanni Papi - Prata Caelestia

Giovanni Papi - Prata Caelestia

2009-11-17 00:00:00

Autorizzazioni

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew 
Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

 

Hot Topic

Ultimi Commenti

X

.

Pubblica il tuo Articolo

Hai scritto un Articolo scientifico? Inviaci il tuo articolo, verrà valutato e pubblicato se ritenuto valido! Fai conoscere la tua ricerca su Scienzaonline.com!

Ogni mese la nostra rivista è letta da + di 50'000 persone

Information

Information

Ultime News

Redazione

Contatta la Redazione di Scienzaonline.com per informazioni riguardanti la rivista
Pagina Contatti

Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information