Breaking News:
  • Registrati

Scienzaonline

Home Astronomia Astronomia EXIS vede il Sole che brilla

EXIS vede il Sole che brilla

(0 voti, media 0 di 5)

 

Lo strumento a raggi X e ultravioletti, imbarcato sul satellite geostazionario GOES-16 della NASA, ha seguito il brillamento del 21 gennaio scorso. I suoi dati, elaborati dal centro di meteorologia spaziale americana, saranno utili per migliorare la nostra conoscenza delle attività solari e mettere in atto strategie di prevenzione

 

Brillamenti solari nel mirino di EXIS. Il sensore Extreme Ultraviolet and X-Ray Irradiance Sensors, istallato a bordo del satellite geostazionario GOES-16 - la “vedetta” NASA incaricata di osservare i fenomeni di meteorologia spaziale con l’obiettivo di tenere d’occhio tutto ciò che condiziona il clima terrestre – ha assistito all’eruzione solare del 21 gennaio scorso. Attività del genere, in atto sulla nostra stella, sono in grado di liberare straordinaria energia e produrre nubi di plasma che viaggiano nello spazio a velocità superiori al milione e mezzo di chilometri l’ora. Quando questo flusso di particelle cariche raggiunge il pianeta Terra, può divenire causa di interferenze ai canali radio, disturbi alle reti elettriche, errori nei sistemi di navigazione satellitare GPS. Non da ultimo, può rappresentare un pericolo per la salute dei satelliti e degli astronauti. Lo strumento EXIT, realizzato dal Laboratory for Atmospheric and Space Physics dell’Università del Colorado, fornisce un valido supporto alle attività di monitoraggio dei fenomeni di meteorologia spaziale: il sensore ha infatti la capacità di misurare i brillamenti solari a diverse lunghezze d’onda e di individuare il punto in cui si verificano. Le sue abilità consentono di implementare la nostra conoscenza di tali eventi violenti e di mettere in atto strategie di prevenzione sugli effetti correlati che coinvolgono la Terra. I dati raccolti dal satellite e dal sensore EXIS infatti, vengono processati dal NOAA’s Space Weather Prediction Center – il centro americano di meteorologia spaziale – e composti in modo da abbozzare una previsione dei fenomeni energetici solari che stanno per scatenarsi: predire una tempesta solare vuol dire migliorare la nostra conoscenza del nostro astro madre, ma soprattutto essere in grado di mettersi al riparo dagli effetti negativi che le sue attività generano.

 

Non hai i permessi per commentare

VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

LAVORI IN CORSO

LAVORI IN CORSO - Nuovo sistema di gestione in collaudo
VI PREGHIAMO DI SCUSARCI PER I DISAGI
STIAMO IMPORTANDO IL DATABASE DI
TUTTI GLI ARTICOLI DI SCIENZAONLINE
DAL 2003 AD OGGI

SCIENZAONLINE.COM

  • Ultime News
  • News + lette
Il Grafene, il nano-materiale che migliorerà la nostra vita

Il Grafene, il nano-materiale che...

2010-11-23 00:00:00

Musicolor

Musicolor

2009-02-18 00:00:00

I Della Robbia e la storia della terracotta invetriata

I Della Robbia e la storia della...

2009-03-18 00:00:00

Giovanni Papi - Prata Caelestia

Giovanni Papi - Prata Caelestia

2009-11-17 00:00:00

Autorizzazioni

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew 
Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

 

Hot Topic

Ultimi Commenti

X

.

Pubblica il tuo Articolo

Hai scritto un Articolo scientifico? Inviaci il tuo articolo, verrà valutato e pubblicato se ritenuto valido! Fai conoscere la tua ricerca su Scienzaonline.com!

Ogni mese la nostra rivista è letta da + di 50'000 persone

Information

Information

Ultime News

Ionosfera col segno meno

Ionosfera col segno meno

2017-04-19 07:28:04

Segnali, scelte e conflitti: il cervello li sbroglia con attenzione

Segnali, scelte e conflitti: il...

2017-05-05 15:40:28

Smog, Italia e' paese piu' colpito nella UE

Smog, Italia e' paese piu' colpito...

2017-05-03 14:16:02

Orbita a rischio febbre

Orbita a rischio febbre

2017-04-21 12:00:00

Redazione

Contatta la Redazione di Scienzaonline.com per informazioni riguardanti la rivista
Pagina Contatti

Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information